Il Castello di Venetico
Il castello fu edificato verso la 2a metà del 1400 dagli Spadafora, già Principi di Maletto. 

Trattasi di una costruzione trapezoidale con quattro torrioni cilindrici con basamenti a scarpa agli angoli. Il fronte d'ingresso è protetto da bocche di fuoco mentre gli spalti corrono lungo le pareti Est - Ovest.
E' importante sottolineare l'influenza sveva su questo tipo di architettura.
Si dice divenne vera e propria fortezza ad opera dell' architetto Camillo Camilliani , ma oltre a non esserci nessun documento da una analisi stilistica non si ritrova alcun elemento che giustifichi un suo intervento.

G. Samonà " L'architettura in Sicilia dal XIII sec. a tutto il Rinascimento " - 1950
< Nell' arte dei castelli svevi in Sicilia lo spazio non è articolato, …ma è raccolto in forme assolute di un rigore geometrico dei limiti, dai quali ogni senso di occasionalità è bandito, che possa quasi indicare un deviamento della maschia potentissima forza impressa con la decisa fermezza del loro disporsi in precise simmetrie. Questi castelli non si adattano variamente al terreno, non si pongono in modo che urbanisticamente l'edilizia civile vi si insinui attorno, quasi plasmandosi alla loro forma, come avviene in molti dei caratteristici centri siciliani.

Gli esempi caratteristici sono quattro : Castello Ursino, Castel Maniace , Castello di Augusta, Torre di Enna. Questi quattro castelli si inseriscono con forza autonoma nel paesaggio,vi si impongono e lo dominano, dominando l'edilizia intorno con un segno di distinzione che è distanza, cesura incolmabile, arresto di ogni reciproco rapporto di spazio>

Il castello ripropone la struttura di Castel Maniace ma è anche l'edificio che esemplifica, il passaggio dalla fortificazione al palazzo residenziale: anche a Venetico il MedioEvo stava finendo, e , la gioia di vivere, aveva necessità di appropriati luoghi cortigiani per danzare e divertirsi.